Siamo euforici o depressi?

Siamo euforici o depressi?

In questi giorni sono uscite due interessanti indagini sul modo di investire di noi italiani, che mi hanno fatto molto riflettere in quanto il dato più rilevante è che abbiamo una passione infinita per la visione a breve termine: qui e ora.   Nell’indagine Einaudi si conferma anche nel 2019 l’avversione al rischio degli intervistati, anche a costo di sacrificare il rendimento.  Quando impiegano il risparmio, gli intervistati continuano a

Read More

Come è variata la nostra ricchezza?

Come è variata la nostra ricchezza?

La ricchezza degli italiani è cresciuta in 14 anni solo del 24%. Ma come mai in Italia è così mentre in Portogallo del 60% , in Olanda addirittura dell’ 87% per arrivare in Finlandia fino al 121%? Ma se il mercato è il medesimo per tutti, cosa varia? Varia la capacità di risparmio e qui partono i sermoni sulla povertà italica, la politica ect ect, cadendo in discorsi tipici da

Read More

La cicala e la formica….. con la rana bollita!

La cicala e la formica….. con la rana bollita!

Un tema a me sempre più caro è quello della pensione collegato con il rischio demografico. In questo video – con un chiaro errore di scrittura nel titolo – esprime in modo chiaro ciò che già in altre sedi ho esposto più volte, cercando di sensibilizzare il mio pubblico. Due dati certi: oggi vengono distribuite pensioni al 45% dei lavoratori un tempo dipendenti pari a 8.9 milioni pari a 14.700

Read More

Demografia e Previdenza

Demografia e Previdenza

Oggi voglio affrontare il tema della demografia e l’impatto che ne ha sul tema della previdenza italiana. È proprio di questi giorni la notizia che l’agenzia di rating Moody’s, bocciando quota 100, sottolinea che l’Italia ha una spesa previdenziale elevata, seconda alla sola Grecia e, allo stesso tempo, si evince che siamo il terzo Paese più vecchio al mondo con un’età media di 46 anni, il primo è il Giappone

Read More

Decreto riforma previdenziale

Decreto riforma previdenziale

Prende il via il decreto che fascattare la riforma previdenziale Largamente discussa e anticipata dai media nei mesi scorsi, con Quota 100 si potrà andare in pensione con almeno 62 anni di età e un’anzianità contributiva minima di 38 anni (62 + 38).Quota 100 è una misura sperimentale che durerà nel triennio 2019-2021. Vediamo come funziona.L’accesso alla pensione per chi aderirà a quota 100, ha regole precise che dipendono sia

Read More