Aspetto ad investire? Lascio i soldi “liquidi”… o no?

Questa mattina voglio fare con voi una riflessione:

Leggo su una rivista che in Italia si stimano oltre 1500 miliardi di denaro in liquidità senza che si cerchi di ricavarne un po’ di rendimento.

Ciò è dovuto solo ad un problema di educazione, consapevolezza finanziaria.

L’Italia è al 63° posto nel mondo dietro lo Zimbabwe e al Togo, in ambito di educazione finanziaria. Complimenti!

Certo, mi direte, non vogliamo perdere!

Infatti, gli italiani sono sempre stati attenti al denaro e al risparmio e in questa fase sono confusi.

Dopo anni di titoli di Stato sicuri, ora questo non esiste più.

Voi risparmiate o investite?

C’è sempre stata confusione su questo quesito, tanto che i due termini spesso anche oggi si fa fatica a distinguerli.

Risparmiare è comprare Bot da 1 a 12 mesi

Investire è comprare Btp da 23 a 30 anni

Dimenticavo … i più “colti” comprano e vendono di continuo e dicono di guadagnare sempre, ma anche questo non è né investire né risparmiare: è giocare!

Gli italiani sono orfani dei titoli di Stato e sono disorientati, prima sembrava tutto facile, ora si fanno i conti con i mercati.

Le banche vendono certificati con laute commissioni, li conoscete? Leggete qui: http://ow.ly/OjCH50x3eWT

Sembrano semplici ma spesso nascondono insidie.

L’unica strada è investire nell’economia, nelle borse che rappresentano oggi una valida alternativa alla liquidità.

È importante pianificare bene il tempo dell’investimento senza deprimersi al primo accenno di discesa del mercato nel quale si è investito ed avere una strategia di investimento corretta e concordata.

Nell’immagine vediamo la liquidità presente nei conti e sotto i tassi che nel 1980 erano al 14% e oggi al -0,2%.

Ormai avvalersi di un consulente finanziario di qualità è diventata una necessità.

Share this Post