Bilancio del primo trimestre 2022. Cosa dobbiamo aspettarci ancora?

Si è chiuso il primo trimestre del 2022.

Trimestre davvero duro, pesantissimo

Il 2022 è iniziato con la variante Omicron, poi siamo passati ai timori dell’inflazione e dei tassi in rialzo ed infine questa maledetta ed assurda guerra.

Classico cigno nero. Nessuno l’avrebbe immaginato.

Se vuoi guardare il video: https://www.informazioneformazione.it/video/

Se vuoi ascoltare su Spotify: https://open.spotify.com/show/3H1UTqJvNAXuK4eMrawwtj?si=4e6fd442dc594c20

Se vuoi ascoltare su Google Podcast: https://www.google.com/podcasts?feed=aHR0cHM6Ly9hbmNob3IuZm0vcy81NGEyZDk0OC9wb2RjYXN0L3Jzcw==

Continua a leggere…

I prezzi delle materie prime hanno preso il volo, abbiamo visto tutti le prime bollette di luce e gas che si sono raddoppiate, i prezzi dei carburanti che hanno superato i 2€ al litro e così via.

Da qua voglio partire.

Ora che cosa ci si può aspettare?

Le banche centrali hanno l’arduo compito di gestire l’inflazione che da noi ha toccato il 6,7% in Spagna il 10%, in Francia il 5% e complessivamente nella zona euro il 7,5%!

A queste cose non siamo più abituati dopo 20 anni di inflazione bassa.

Se l’anno scorso l’aumento dell’inflazione si era pensato come momentaneo, ora sembra più strutturale e le Banche Centrali si trovano costrette ad intervenire aumentando i tassi.

Infatti, in tempi normali l’inflazione sale quando l’economia cresce ed aumentando il costo del denaro i motori dell’economia si raffreddano, ma visti gli accadimenti di questo periodo, l’economia cresce poco ed è a rischio e l’inflazione aumenta a causa dell’aumento dei costi delle materie prime non perché l’economia è forte.

Dobbiamo difenderci.

Essere remunerati con un tasso reale positivo diventa difficile.

Sapete cos’è il tasso reale?

Osserviamo questa foto:

Investiamo ad un tasso del 3% meno l’inflazione al 6,7%, quanto sarà il nostro guadagno? – 3.7% questo è il tasso reale: una perdita.

Sono in aumento anche i tassi dei mutui, anche i nostri giovani sono più penalizzati: alle banche non conviene più concedere mutui a tassi bassi come quelli previsti dal decreto Sostegni bis della scorsa estate.

Anche i prezzi delle obbligazioni sono crollati in questo primo trimestre, se diamo uno sguardo alla foto sotto riportata, vediamo una sorta di bilancia:

quando i tassi crescono i prezzi delle obbligazioni scendono ed oggi sono scese tra il 7 e il 10%.

Possono essere scesi degli stessi punti anche i fondi che investono in obbligazioni.

Ma è in questi momenti che c’è anche l’opportunità, ricordate?

I mercati anticipano sempre gli eventi e con queste discese può essere molto interessante iniziare ad entrare nel mercato.

Ora è il momento più opportuno per incominciare ad analizzare la vostra situazione, considerando sempre i vostri obbiettivi e valorizzando il portafoglio a loro dedicato.

Anche per oggi è tutto e vi auguro un buon fine settimana.

Share this Post