Finanza sostenibile: Come investire in ESG?

Continuiamo a parlare di finanza sostenibile.

Dopo aver capito cosa sono i criteri e i rating esg ora rispondiamo a due domande:

Come investire in ESG?

Perchè investire attraverso i criteri ESG?

….. se preferisci guarda il video:

Se invece preferisci ascoltare…

su Spotify :

Su Google Podcast:

https://www.google.com/podcasts?feed=aHR0cHM6Ly9hbmNob3IuZm0vcy81NGEyZDk0OC9wb2RjYXN0L3Jzcw==

Prendiamo in considerazione la prima domanda.

Si può investire in ESG attraverso il risparmio gestito, ovvero attraverso i fondi e le sicav.

I più evoluti possono anche comprare dei titoli singoli, azioni od obbligazioni: attenzione però, nessuno può essere ben strutturato come una società di gestione.

Queste ultime, infatti, lo fanno attraverso tre strategie di approccio:

  • L’esclusione: vengono eliminati titoli e strumenti finanziari che non investono con quanto richiesto dai criteri ESG: armi, tabacchi, olio artico, pellicce, carbone termico, pornografia, prodotti abortivi, Paesi non rispettosi dei diritti umani. Si possono creare delle discordanze su alcuni principi o valori del soggetto che investe rispetto alle scelte del comparto scelto, ad esempio – per capire – un investitore musulmano che investe in un comparto dove è presente uno strumento finanziario che tratta la carne di maiale, non rispetta i suoi principi. Il principio etico è sempre soggettivo e può essere diverso tra paesi nel mondo.
  • L’integrazione: i principi ESG non sostituiscono l’analisi fondamentale, l’analisi finanziaria, ma la integrano nella selezione del singolo strumento; vengono studiati i trend ESG, a che punto sono, come vengono sviluppati, pertanto non viene escluso nessun asset.
  • L’impatto: i capitali raccolti sono destinati a progetti con effetti positivi nel sociale e nell’ambiente; quindi, ci deve essere un obiettivo prefissato con un rendimento finanziario e dei benefici sociali e ambientali. Tutti i dati emersi dai controlli sono pubblici per questioni di correttezza e di trasparenza.

Quest’ultimo punto si può esemplificare nelle seguenti categorie di prodotti finanziari:

  • Green Bond per l’ambiente
  • Social bond per il sociale
  • Private market che investono in asset illiquidi
  • Crowdfunding, piattaforme online dove si può presentare un proprio progetto.

Tutte le categorie devono fare un impact reporting, documento annuale che misura i risultati di impatto ambientale sociale e di governance.

Tutto il settore si sta normando molto per evitare il Greenwashing, che è una strategia di comunicazione adottata dalle imprese per valorizzare la propria reputazione usando richiami all’ambiente e al sociale senza essere però supportato da dati certi, reali e credibili.

Per ora ci fermiamo qui, in seguito risponderemo alla seconda domanda.

Se hai delle domande o vuoi maggiori chiarimenti, contattami con il form che trovi qui

A presto.

Share this Post