Rialzo dei tassi: cause, conseguenze e soluzioni

In molti in questi giorni mi state chiedendo che cosa succede quando aumentano di tassi.

L’America ha già iniziato con un rialzo di 0,50% e questo non succedeva da 22 anni, l’Europa probabilmente attenderà luglio e poi inizierà.

Vediamo insieme in che modo il rialzo dei tassi ci riguarda.

Se vuoi guardare il video: https://www.informazioneformazione.it/video/

Se vuoi ascoltare il podcast : https://anchor.fm/informazioneformazione

Continua a leggere…

Ci riguarda per tre motivi principalmente:

  • Il primo è che chi ha in essere un mutuo ed ha scelto un tasso variabile, la rata aumenterà, creando difficoltà maggiori per il pagamento. Fare la surroga dei mutui, cioè rinegoziare le condizioni, oggi diventa una missione impossibile…. Bisognava agire prima
  • Il secondo motivo è il vertiginoso aumento dei prezzi, l’inflazione sale a causa delle iniezioni di liquidità che le Banche Centrali hanno fatto per sostenere l’economia e per la guerra in Ucraina che ha aggravato la situazione.

Si pensava alla fine dello scorso anno che l’inflazione fosse dovuta alla ripartenza post Covid ed invece si è scoperta più strutturale.

L’unico modo per raffreddare l’inflazione è aumentare i tassi, tutto costa di più, si riduce la richiesta e l’inflazione si abbassa.

  • Il terzo è il fattore bilancia con le obbligazioni: tassi su prezzi giù, tassi giù prezzi su….

Ed è proprio con quest’ultimo fattore che abbiamo vissuto pacificamente per 30 anni rafforzando nella nostra mente il pensiero che con le obbligazioni fosse tutto tranquillo.

Invece no e per questo voglio spendere due parole e darvi una soluzione.

In una situazione come quella odierna, mantenere la calma e soffermarsi a riflettere è determinante, ancora di più di quanto già non serva di fronte alla volatilità dei mercati azionari.

Chi investe in quest’ultimi, infatti, è – o quanto meno dovrebbe essere – mediamente preparato a sostenere determinate oscillazioni e periodi variabili di altalena nelle quotazioni; al contrario, chi investe in obbligazioni ha quasi sempre la radicata, naturale e sbagliatissima tendenza ad immaginare che questo mercato non possa riservare certe volatilità.

Il mercato delle obbligazioni è vasto e i prezzi anticipano, incorporano le aspettative: infatti da gennaio è iniziato un profondo aumento dei tassi nel mercato, 6 mesi prima di quando la bce aumenterà i tassi.

Partiamo subito con un esempio concreto:

BTP 01.06.2032 0,95%

Da inizio anno, il rendimento è passato dall’1,20% al 2,78%, con un incremento del 135% circa.

Nello stesso periodo, come si vede, la quotazione del titolo è scesa dai 97,14 di inizio anno agli attuali 84 circa (chiusura del 30.04.2022), con una caduta del 13,40%.

E questo in tutto il mondo, guardate questa tabella….

Ogni punto di rendimento in più il prezzo scende di ca. il 10%.

Teniamo presente che partivamo da tassi negativi, ne parlavo già ad aprile del 2021.

(Per rivedere l’articolo clicca qui).

Significa che è finito il mondo obbligazionario? Dobbiamo fuggire per paura?

Assolutamente no, l’emotività fa solo buttare i soldi.

Siamo noi con le nostre scelte che produciamo perdite, non i mercati.

Infatti:

  1. Ci stiamo normalizzando. I tassi negativi erano aberrazioni assurde. L’economia sta frenando per la guerra ma possiamo farcela: questo pensano le Banche Centrali. In molte parti del mondo l’economia cammina con le sue gambe, il mercato del lavoro è esuberante (con livelli di disoccupazione ai minimi) e gli utili aziendali sono sostenuti.
  2. Il mondo delle obbligazioni è vasto. In Italia è pericoloso, siamo indebitati e pagare più interessi è faticoso, costa, la nostra crescita è debole e si compromette. Iniziano invece ad essere interessanti altri settori.
  3. Nel tempo chi ha i fondi, pazientando, ne potrà trarre solo benefici, perché i rendimenti salgono, e con nuova liquidità e i titoli che scadono i gestori acquisteranno obbligazioni a tassi più alti. Chi disinveste ora complica la vita al gestore, il quale non riesce a comprare obbligazioni a tasso più alto.
  4. In ultimo aggiungo che anche in questo settore è meglio entrare gradualmente senza scommesse, tutto gradualmente con una strategia precisa.

Se l’argomento è di tuo interesse, contattami per approfondire.

Buona giornata. 

Share this Post